Informazioni per l’adeguamento al Protocollo
per la prevenzione COVID-19

Spett.le Azienda,

In data 14 marzo il Governo italiano ha siglato il Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro che fornisce una serie di indicazioni che tutti gli attori aziendali devo obbligatoriamente tenere, con particolare riferimento ai compiti del datore di lavoro, per la prosecuzione delle attività produttive.
La  prosecuzione  delle  attività  produttive  può  infatti  avvenire  solo  in  presenza  di condizioni che assicurino alle persone che lavorano adeguati livelli di protezione.
È obiettivo prioritario coniugare la prosecuzione delle attività produttive con la garanzia di condizioni di salubrità e sicurezza degli ambienti di lavoro e delle modalità lavorative.
Si riportano di seguito le principali indicazioni richiamate nel Protocollo condiviso, che le aziende devono mettere in atto, al di là del ricorso, laddove possibile, al lavoro agile, all’incentivazione delle ferie e dei congedi retribuiti, all’uso di ammortizzatori sociali disponibili.

Le aziende possono proseguire le loro attività solo in presenza di condizioni che assicurino ai lavoratori adeguati livelli di protezione, attuando le seguenti disposizioni:

  • informare tutti i lavoratori e chiunque entri in azienda circa le disposizioni delle Autorità, consegnando e/o affiggendo all’ingresso e nei luoghi maggiormente visibili dei locali aziendali, appositi dépliants informativi (rif. Opuscolo informativo e  fac-simile informativa per i lavoratori e per gli autisti, allegate alla presente, da modificare in accordo ad eventuali vs disposizioni aziendali);
  • il personale, prima dell’accesso al luogo di lavoro potrà essere sottoposto al controllo della temperatura corporea. Se tale temperatura risulterà superiore ai 37,5°, non sarà consentito l’accesso ai luoghi di lavoro. Le persone in tale condizione – nel rispetto delle indicazioni ai sensi della disciplina privacy vigente (rif. Doc. 01 allegato) – saranno momentaneamente isolate e fornite di mascherine non dovranno recarsi al Pronto Soccorso e/o nelle infermerie di sede, ma dovranno contattare nel più breve tempo possibile il proprio medico curante e seguire le sue indicazioni;
  • il  datore  di  lavoro  informa  preventivamente  il  personale,  e  chi  intende  fare ingresso  in  azienda,  della  preclusione  dell’accesso  a  chi,  negli  ultimi  14  giorni, abbia  avuto  contatti  con  soggetti  risultati  positivi  al  COVID-19  o  provenga  da zone a rischio secondo le indicazioni dell’OMS (rif. Doc. 02 allegato);
  • assicurare la pulizia giornaliera e la sanificazione periodica dei locali, degli ambienti, delle postazioni di lavoro, delle aree comuni e di svago, delle macchinette che distribuiscono snack e bevande, aerando spesso i locali;
  • garantire la pulizia a fine turno e la sanificazione periodica di tastiere, schermi touch, mouse, telefoni,… con adeguati detergenti, sia negli uffici, sia nei reparti produttivi;
  • mettere a disposizione idonei mezzi detergenti per le mani;
  • se necessario, rimodulare i turni di lavoro per diminuire la possibilità di contatto tra le persone, anche durante l’ingresso e l’uscita;
  • si favoriscono  orari  di  ingresso/uscita  scaglionati  in  modo  da  evitare  il  più possibile contatti nelle zone comuni (ingressi, spogliatoi, sala mensa);
  • DPI: nel caso di impossibilità a lavorare ad almeno 1 m di distanza interpersonale, è necessario l’uso delle mascherine, guanti, occhiali, tute, camici, ecc… (l’uso delle mascherine e dei guanti rimane obbligatorio per tutti i lavori che comportino un potenziale rischio di contatto con superfici e oggetti potenzialmente contaminati, come ad esempio le operazioni di pulizia);
  • per le sole attività produttive siano limitati al massimo gli spostamenti all’interno dei siti e contingentato l’accesso agli spazi comuni;
  • garantire la sicurezza durante le fasi di consegna merci (es. non facendo scendere gli autisti dai mezzi, vietarne l’accesso agli uffici, rispetto della distanza di almeno 1 metro dal personale, individuare servizi igienici ad essi dedicati);
  •  far rispettare le regole di accesso al sito, anche da parte del personale esterno strettamente necessario all’attività (impresa di pulizie, manutentori,…);
  • sono vietate le riunioni (consentite solo quelle con collegamenti a distanza); qualora improrogabili, assicurare la presenza minima di persone e il rispetto delle distanze interpersonali;
  • nel caso un dipendente sviluppi febbre, tosse, provvedere al suo isolamento e avvertire le Autorità con i numeri dedicati;
  • nel caso venga riscontrata la positività di un dipendente al conoravirus, si deve procedere alla pulizia e sanificazione degli ambienti di lavoro, secondo le disposizioni della circolare n. 5443 del 22 febbraio 2020 del Ministero della Salute nonché alla loro ventilazione, prima di far accedere il personali;
  • la sorveglianza sanitaria deve proseguire garantendo le misure igieniche (decalogo del Mistero della Salute), incentivando le visite per chi rientra da malattia.

SI RACCOMANDA LA LETTURA INTEGRALE DEL PROTOCOLLO (da scaricare alla pagina del nostro sito www.tec-artigrafiche.it/CODIV19) PER L’ATTUAZIONE COMPLETA DI TUTTE LE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER IL CONTENIMENTO DEL VIRUS.

Per maggiori informazioni in tema privacy:
Marco Bertolino (cell. 333 4953035 – mail:info@tec-artigrafiche.it)

Opuscolo Informativo
Informativa LAVORATORI
Informativa AUTISTI AZ.
AUTOCERTIFICAZIONE
Regolamento Az. Covid-19
Reg. Controllo Temperatura
Autodichiarazione Zone a Rischio